Crea sito

Risorse

Chi è ON LINE

 39 visitatori online
Quale è il tuo cartone Preferito
 
WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!
http://www.wikio.it
registra
Aumenta le visite al tuo sito... TraffiC BoOm!

Motore ricerca interno

Hello Spank Storia e curiosità

Clicca sul cartone animato per vedere le puntate,  per  ascoltare  gli Mp3 o vedere il video della Sigla  oppure prosegui e leggine la storia e le curiosità

 

 

 

Hello Spank (おはよう!スパンク, Ohayō! Supanku) è un manga serializzato in origine su Nakayoshi dal 1978 al 1981, raccolto in 7 Tankōbon nel 1980, creato da Shun'ichi Yukimuro e Shizue Takanashi, ristampato in 4 bunko nel 1999. Nel 1981 è stato trasposto in una serie TV anime prodotta dalla Tokyo Movie Shinsha per un totale di 63 episodi alla quale ha fatto seguito un OAV di 95 minuti prodotto nel 1982.

Il manga ha vinto il Kodansha Manga Award del 1981 nella categoria shojo.

In Italia la serie animata è stata trasmessa per la prima volta su Italia 1 nel 1982, ritrasmesso le mattine dell'autunno del 2002 e l'OAV nel 2009 da Hiro; attualmente la serie è trasmessa a ora tarda su Nickelodeon, canale di SKY. La versione cartacea, invece, è arrivata inizialmente sulle pagine del Corriere dei Piccoli in maniera parziale con tavole ribaltate e ricolorate, per poi essere pubblicata in versione integrale e ufficiale dalla Play Press Publishing nel 2002. Nel 2004 il manga è stato ripubblicato in 2 maxi volumi (contenenti, rispettivamene, 3 e 4 Tankōbon).

 

La serie TV animata è arrivata anche in altri stati europei, tra i quali Francia, Spagna e Germania. Nell'edizione tedesca Spank e gli altri animali non parlano, ma abbaiano o miagolano semplicemente proprio come nella versione originale giapponese.

 

Trama

Aiko Morimura (Aika nella versione italiana), ragazza di quattordici anni, si trasferisce nella città di mare dove vive lo zio che la ospiterà durante il soggiorno parigino della madre, stilista di moda. Il padre sembra essere scomparso in mare durante una bufera con il suo yacht. Appena arrivata nella tranquilla cittadina, Aiko subisce un'altra perdita: a causa di un incidente stradale, infatti, le muore la cagnetta Papy che si era portata da Tokyo. Per tale motivo il vecchio saggio del porto, che i ragazzi della spiaggia chiamano nonno Jen, le affida Spank, un grosso cucciolo di cane bianco con le orecchie nere il cui padrone sparì in mare proprio come suo padre.

Nonostante l'iniziale riluttanza di Aiko ad adottare quello che sembra solo un "combina guai", i due diventano presto inseparabili amici. Nel corso della storia, Spank, farà amicizia con Torakiki, un buffo gatto con una cravatta rossa intorno al collo e di cui diventerà il miglior amico, ma anche il suo più acerrimo rivale in amore nella conquista del cuore di Micia, una gattina siamese bella e un po' snob come la sua padroncina Serino (Serina nell'edizione italiana), compagna di classe di Aiko.

Anche Aiko sembrerà in un primo momento essere legata sentimentalmente ad un ragazzo di nome Rei il quale però scompare presto dalla scena, spinto dalla sua passione per la musica classica che lo porterà a partire per l'Europa dove andrà a studiare pianoforte a Vienna.

 

Lungo l'arco della storia emergono nuovi personaggi, più o meno secondari, tra i quali i compagni di scuola di Aiko e i loro animali, che non mancano di presentarci le loro vite personali in cui Spank non rinuncia a mettere il muso. Passata l'estate e l'inverno, fra disavventure più o meno comico-demenziali a tratti malinconiche e che vedono sempre come unico testimone muto sullo sfondo della vicenda, il mare, torna da Parigi la madre di Aiko.

La donna, stavolta tornata in Giappone per andare a vivere definitivamente a Tokyo con la figlia, decide di raccontare la dura verità ad Aiko sul padre: l'uomo scomparso in mare infatti pochi anni prima sul suo yacht Il gabbiano, e tanto atteso dalla figlia, è in realtà ormai morto. L'incredulità di Aiko alle parole della madre la porteranno a scappare di casa fino a quando, riuscendo ad accettare la verità, deciderà di partire con lei e Spank per Tokyo dove vivranno tutti e tre insieme per sempre, in uno dei più struggenti finali dell'animazione giapponese.

Personaggi

  • Spank, cane che ha perduto il suo padrone in mare, è il protagonista della serie. Dopo tanti tentativi, finisce sempre punito da un momento all'altro.
  • Aika (Aiko), che diventerà subito la nuova padrona di Spank, ha quattordici anni e segue il primo anno della scuola media.
  • Sig. Fujinami, zio di Aika da parte della madre, fa il pittore ed è il proprietario della casa in cui vive Aika.
  • Saky, aiuta in casa come domestica; ogni volta che vede Spank sviene terrorizzata.
  • Torakiki, è il gatto di Oyama dalla caratteristica cravatta rossa e con uno spiccato accento tedesco. Durante la serie manterrà nei confronti di Spank un comportamento ambivalente, perché spesso in competizione con lui per le attenzioni di Micia. A parte questi episodi, a volte, si dimostrano per sempre buoni amici.
  • Rio Compagno di classe di Aika.
  • Shinako Compagna di classe di Aika.
  • Seya, padrone di Barone e compagno di classe di Aika, che la chiama capelli di alghe; tra lui e Aika c'è un rapporto di attrazione/repulsione.
  • Barone, il cagnetto di Seya, grande amico di Spank e aiutante di Torakiki.
  • Oyama, personaggio molto buffo, è il padrone di Torakiki e studia assieme a lui Judo.
  • Rei, un marinaio più grande di Aika, il cui fratello era il primo padrone di Spank.
  • Serina (Serino), padrona di Micia e figlia del proprietario di una catena di alberghi è una ragazza intelligente, spensierata, viziata e un po' antipatica; in realtà durante la serie rivelerà via via alcune sue debolezze che la renderanno più umana. È rivale in amore con Aika nel conquistare Rei.
  • Micia, la gatta dolce e snob di Serina, di cui Spank è innamorato, anche se non corrisposto.
  • Fanfan, compare circa a metà della serie e diventa subito amica di Spank, che si innamorerà perdutamente di lei, e degli altri animali a quattro zampe.
  • Nonno Jen, è il vecchio saggio del porto e amico di tutti.

I temi della serie

Spank (insieme al gatto Torakiki) cammina su due zampe e conduce una vita quasi umana: mangia a tavola (utilizzando le posate), cucina, si veste, si pettina, usa il telefono ecc. Va aggiunto che nella versione italiana, a differenza di quella originale nipponica, Spank ha una parlata elementare, infantile, in larga parte inventata dalla doppiatrice Liù Bosisio, che coniò espressioni senza copione come "bimba" o "Iaia", per chiamare Aiko, oltre la celeberrima "che botta!", grazie alle quali gli è stata conferita un'aria ancor più dolce e umanamente ingenua.

Spank è quindi come un bambino, che crea guai e fa i capricci, ma capace anche di slanci di profonda umanità.

Le sigle

Sigle di apertura:

  • Ohayō! Spank (おはよう!スパンク, Ohayō! Spank? Buon giorno! Spank) cantata da Nozomu Inoue

Sigle di chiusura:

  • Dagyō no Spank (ダ行のスパンク, Dagyō no Spank?) cantata da Noriko Tsukase
  • Spank no hyakumensō (スパンクの百面相, Spank no hyakumensō? letteralmente,Le mille facce di Spank) cantata da Noriko Tsukase

La sigla italiana è Hello! Spank di Albertelli/Tempera è cantata dal gruppo I Cuccioli.

Nel 1994 la sigla fu cambiata e sostituita da una nuova cantata da Cristina D'Avena con il titolo Spank, tenero rubacuori con cui fu rinominata la serie stessa; nei primi anni 2000 è stata ripristinata la prima sigla.

In Germania e in Francia come sigla è stata utilizzata la base musicale della sigla italiana della serie animata Siamo quelli di Beverly Hills.

 
 

Template BlackPipeMOD © by Milo Lopez