Crea sito

Risorse

Chi è ON LINE

 26 visitatori online
Quale è il tuo cartone Preferito
 
WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!
http://www.wikio.it
registra
Aumenta le visite al tuo sito... TraffiC BoOm!

Motore ricerca interno

Georgie Storia e curiosità

 

 

Clicca sul cartone animato per vedere le puntate,  per  ascoltare  gli Mp3 o vedere il video della Sigla  oppure prosegui e leggine la storia e le curiosità

 

Georgie (レディジョージィ!, Lady Georgie?, Redi Jōjī!) è un manga del 1983 di Yumiko Igarashi ambientato nel XIX secolo tra l'Australia e l'Inghilterra che racconta le avventure di una ragazza alla ricerca delle proprie origini.

 

In Italia è stato pubblicato dalla Star Comics in 7 volumetti dal formato più snello rispetto ai 5 originali con le tavole ribaltate e la lettura all'occidentale come si usava all'epoca dal dicembre 1994 al giugno 1995 sulla collana Neverland. Nel 2009 è uscita l'edizione Deluxe in quattro volumi con tavole originali a colori ad opera della Magic Press.

Il successo del manga è stato tale per cui è stata prodotta anche una serie anime nel 1983 di 45 episodi dal titolo Lady Georgie (レディジョージィ, Redi Jōjī?), che in Italia è stata trasmessa per la prima volta nel 1984 su Italia 1 con il titolo di Georgie. Le repliche più recenti sono andate in onda a partire dal 9 ottobre 2006 alle ore 17:30 su Italia 1, dall'8 ottobre 2009 alle 7:45 sempre su Italia 1, dal mese di dicembre 2009 alle 21:00 su Boing, infine dal 30 dicembre 2010 alle 19:35 su La 5. La sigla italiana, iniziale e finale, è cantata da Cristina D'Avena.

 

Trama

La serie è ambientata nella seconda metà del XIX secolo, quando l'Australia era ancora una colonia penale dell'Inghilterra. Una sera, durante un terribile temporale, il signor Butman un agricoltore del luogo, trova Georgie in fasce tra le braccia della madre morente (Sophie). Probabilmente la donna è fuggita dal vicino campo di prigionia, e lo prega di prendersi cura della bambina.

Georgie viene accolta nella famiglia Butman, composta dal padre, dalla madre Mary e dai due fratelli Abel e Arthur. In realtà la madre non accetta fino in fondo la nuova figlia, sia per la sua oscura origine, sia perché teme che in futuro possa creare dissapori tra i suoi due figli (cosa che infatti accadrà).

Ma Georgie non sa nulla di tutto questo e passa una infanzia felice credendo di essere la sorella di Abel e Arthur, che assieme ai genitori decidono di nasconderle la verità. Un triste giorno però il padre muore cercando di salvare Georgie, lasciando sola la moglie ad occuparsi della famiglia. Mary inconsciamente ritiene Georgie responsabile della morte del marito e l'inconfessabile rancore che prova verso la bambina cresce, rendendo il loro rapporto più fragile e problematico. Abel ed Arthur hanno invece un rapporto molto protettivo e profondo

 

nei riguardi della sorella; la madre, ravvisando questo loro comportamento come la possibile fonte di problemi futuri, tenta in tutti i modi di allontanarli da Georgie.

 

Passano gli anni e Georgie è ora adolescente. Abel e Arthur, a conoscenza delle vere origini di Georgie, si sono entrambi poco a poco innamorati di lei e l'unica a non rendersi conto della situazione è proprio Georgie, che continua a vedere nei due ragazzi solamente i suoi fratelli maggiori.

Abel, il fratello più grande, si rende conto che ormai la situazione è insostenibile; abbandona la famiglia e si imbarca come marinaio per dimenticare la sorella. Dopo oltre un anno e mezzo ritorna a casa, ormai risoluto a confessare il suo amore a Georgie. Prima però di poterlo fare, avrà un'aspra lite con il fratello minore Arthur, innamorato anch'esso della sorella adottiva. Quando la madre scopre il fatto, rivelerà ai due figli una cosa di Georgie che ancora non conoscono: le ragazza è figlia di un galeotto, che aveva tentato di fuggire da un campo di prigionia con la moglie. Abel e Arthur sapevano solamente che il padre aveva trovato Georgie nel bosco; sconvolti dalla rivelazione della madre, i due fratelli si allontanano e Abel fugge di casa alla ricerca di quella che ne doveva essere la sua futura sposa nonché sua "sorella".

Georgie nel frattempo, inconsapevole degli avvenimenti che stanno capitando nella sua famiglia, incontra Lowell J. Gray, un nobile, nipote del governatore della città, del quale si innamorerà. La madre, disperata per la fuga del figlio, la scopre una sera tra le braccia di Lowell e riversa su di lei tutto il suo rancore represso. La ritiene responsabile della crisi del rapporto tra i suoi due figli e le rivela le sue oscure origini di figlia di un deportato, cacciandola poi di casa. Georgie, sconvolta dalla rivelazione fugge di casa, cade in un fiume in piena ma Arthur la salva e la porta a casa dello zio Kevin.

Mary si rende subito conto di aver fatto una cosa terribile e che il suo gesto ha distrutto di colpo la sua famiglia, tenta di rimediare ma è ormai troppo tardi. Georgie, saputo dallo zio Kevin, che entrambi i suoi fratellastri sono innamorati di lei, scappa e fingendosi un uomo (si farà chiamare Joe Butman) si imbarca per l'Inghilterra per non creare altri dissapori a quella che credeva fosse la sua vera famiglia. Abel saputo della cosa, parte subito dopo Georgie per riportarla a casa. Arthur invece torna alla fattoria e troverà sua madre in gravi condizioni e infatti lei morirà di lì a poco di crepacuore e dopo il funerale avverte lo zio Kevin di partire anche lui per l'Inghilterra, alla disperata ricerca dei due fratelli.

Inizieranno qui le avventure inglesi di Georgie, che alla fine la porteranno a conoscere le sue origini: è in realtà figlia del conte Fritz Gerald, caduto anni prima in disgrazia e che aveva trascorso lunghi anni nella colonia penale australiana, condannato ingiustamente ai lavori forzati per aver tentato di uccidere la regina Vittoria. Nella vicenda avrà un ruolo fondamentale Arthur, che appena arrivato a Londra sarà letteralmente sequestrato dal Duca Dangering e da suo figlio Arwin, per aver scoperto il segreto del Duca: il complotto per l'assassinio della Regina Vittoria era opera del Duca e aveva fatto imprigionare al suo posto proprio il conte Gerald e di averlo deportato in Australia.

Georgie avrà un lungo e travagliato rapporto con Lowell (contrastato dalla famiglia di lui) e i due giovani saranno costretti a lasciarsi per le gravi condizioni di salute di Lowell, malato di tubercolosi, che guarirà, dopo aver fatto ritorno presso Elisa, la sua fidanzata ufficiale.

Finale dell'anime

Alla fine, dopo aver ritrovato il suo vero padre e aver liberato Arthur dalla sua prigionia assieme ad Abel con la collaborazione di Maria (fidanzata di Arthur e figlia del Duca Dangering), Georgie tornerà in Australia assieme ai due fratellastri per tornare a vivere nei luoghi in cui era cresciuta.

Finale del manga

Georgie, dopo aver ritrovato Abel, ritrova anche il proprio padre; Abel l'informa che anche Arthur è a Londra, prigioniero di Irving, nipote del duca Dangering, in quanto i ragazzi hanno scoperto che fu il duca (e non il padre di Georgie) a tentare di assassinare la regina.

Con l'aiuto di Georgie e di suo padre, Abel riesce a salvare il fratello, ma Arthur, in una crisi di astinenza dalle droghe, si getta nel Tamigi, sotto gli occhi della sorella.

Irving scopre Abel, e cerca di ucciderlo, ma nella lotta è lui ad avere la peggio e Abel viene condannato a morte.

Nei giorni in cui Abel è in cella, Georgie riesce a fargli visita; ormai conscia di amarlo fa l'amore con lui.

Il giorno in cui è prevista la fucilazione di Abel, nonostante l'arrivo di testimoni a scagionarlo, il malvagio duca prende il fucile e spara al povero ragazzo. Abel muore così tra le braccia di Georgie, che aspetta un figlio da lui, frutto della notte d'amore trascorsa in cella.

Passano alcuni anni, Georgie decide di ritornare in Australia assieme a suo figlio. Il bimbo è identico ad Abel pertanto viene chiamato col nome del padre.

Quando sbarca in Australia e fa ritorno alla fattoria, Georgie vede davanti a sé Arthur, anche lui tornato a casa: il ragazzo infatti fu trovato alla deriva da una nave diretta in Australia, e curato poi dal vecchio zio Kevin.

Censura e tagli

A partire dagli anni 90, prevalentemente nelle serie trasmesse da Mediaset furono introdotte alcune censure, probabilmente per venire incontro alle esigenze del pubblico infantile a cui i programmatori ritenevano che gli anime fossero destinati (anche se dal 1984 al 1991 la serie era già stata trasmessa integralmente e quindi era già stata vista anche dai bambini) e per le polemiche legate alla serie da parte di associazioni di genitori. Segue una lista non completa di tagli effettuati nell'anime "Georgie":

  • ep. 9, Tagliata la scena dei bambini della scuola domenicale mentre cantano una canzone.
  • ep. 20, Censurato Abel che abbraccia Georgie sotto l'albero.
  • ep. 21, Censurata la scena di Georgie che spoglia Lowell.
  • ep. 22, Tagliata la scena di Georgie che, insieme ad Abel sulla riva del fiume, ripensa a Lowell nudo (censurata anche la risposta di Georgie alla domanda di Abel).
  • ep. 23, Censurata la scena in cui Georgie prima di gridare ripensa all'incontro con Lowell. Tagliata anche la scena in cui Georgie mette fuori la lingua e anche quella dove Georgie ripensa ancora a Lowell nudo e poi si tuffa nell'erba.
  • ep. 24, Abel e Arthur escono dalla fattoria dello zio Kevin, è tagliata la scena dei ragazzi ripresi da lontano davanti all'entrata della fattoria. Tagliata anche la scena dell'arrivo di Lowell davanti all'ingresso della fattoria. È ovvio che gli adattatori italiani non volevano che si vedesse il cartello con scritto KEBIN.
  • ep. 25, Sulla riva del fiume insieme a Georgie, Lowell ripensa al loro primo incontro, quando lei lo spoglia.
  • ep. 27, Arthur scalda Georgie con il suo corpo nudo.
  • ep. 28, Mentre lo zio Kevin parla, scorrono le immagini in cui Arthur scalda Georgie.
  • ep. 29, Tagliata la scena in cui Arthur corre via dalla fattoria dello zio Kevin (di nuovo per via del suddetto cartello).
  • ep. 31, Censurata l'inquadratura della tomba della mamma.
  • ep. 34, Censurate tutte le scene con Lowell nudo.
  • ep. 35, Ad inizio puntata viene ripetuto il finale dell'episodio precedente.
  • ep. 44, Censurata la scena di Arthur che piange dopo aver letto la lettera di Abel. Censurata l'inquadratura della lettera. Censurato il tentato suicidio di Arthur e la scena successiva in cui si vede la mano di Arthur fasciata.
 
 

Template BlackPipeMOD © by Milo Lopez